top of page
Glass Buildings

Oiseaux en cage

La comédie se déroule dans un appartement pendant le verrouillage de la pandémie. Vous ne pouvez quitter votre domicile que pour des raisons de nécessité absolue.

 

Les protagonistes sont Emma une free lance (experte en marketing social) et Gerry un chômeur qui vit d'expédients et de passion pour la peinture.  

Elle est plus guillerette, dynamique, agitée, impulsive, capricieuse. Il est plus traditionnel, mentalement "vieux", indifférent, mentalement apathique.

 

Emma, éprouvée par l'enfermement forcé, oscille entre illusions (de changer de vie) et désillusions. Elle a épousé un homme qui n'a pas fait carrière,  sans emploi. Et elle est également obligée de le garder à la maison.

Elle est très ambitieuse, en effet elle a choisi, comme nouveau partenaire, un entrepreneur qui devrait lui donner ce niveau de vie que son mari - sans le sou - lui a refusé. En même temps, cependant, il a peur de viser trop haut.  
 

Gerry, contrairement à Emma, est terre à terre. Méthodique, apathique, borné, voire ennuyeux dans ses sermons. Volez trop bas. Il n'a aucune ambition. Vit pour la journée. Il a l'air démodé par rapport à elle. Il voit avec méfiance ce qu'il ne peut pas toucher de la main.  

Considérez Internet et les médias sociaux comme une perte de temps, voire une sorte de drogue. 

Presentazioni del libro presso le biblioteche di Menaggio e Dongo e Tremezzina (Como), Macherio e Bresso.

Incipit del romanzo Il figlio smarrito di Paolo AvanziArtist Name
00:00 / 02:48

INCIPIT del romanzo

 

Fin da piccolo sono cresciuto con la cantilena del "Non preoccuparti, tutto andrà bene..." che voleva essere un mantra, una formula per scacciare gli spiriti cattivi. E' servita a qualcosa? Una volta forse... Da un po’ di tempo ha perso la sua efficacia anche come placebo. 

Tutto non va sempre bene, spesso va male, e se va male può andare anche peggio. Come un'onda nera che, da un corpo gettato nell'acqua, si propaga inesorabilmente insidiando tutto e tutti.

E quando questo corpo è umano il confine tra realtà e metafora svanisce. Ti metti a guardare in profondità per indovinare dove quel corpo può essere finito, e il tuo sguardo continua a vagare in superficie perlustrando ogni minima rifrazione di luce, ogni altalenante spostamento d'acqua, inutilmente, tanto lo sai che non ne verrai a capo. Dovevi pensarci prima. Prima che quel corpo cadesse giù. Ma come facevi a prevederlo?

Eppoi ti dici che non è giusto che sia capitato proprio a te, che non te lo meritavi, che tu sei buono e bravo. Ma questo non basta a farti sentire con la coscienza a posto. Perché se succede qualcosa a qualcuno che è parte di te, tu hai le tue responsabilità. Puoi essere stato il genitore più bravo del mondo, ma se tuo figlio compie qualche sciocchezza non puoi tirarti fuori. Fosse solo per rispondere a chi ti chiede come è potuto succedere. Già, come è potuto succedere? 

Con Claudio ho sempre avuto un rapporto difficile. Io non capivo lui, lui non capiva me. Non ci siamo neppure sforzati più di tanto per andarci incontro. Apatia, antipatia, noia, impegni vari… 

Non era il figlio che io avrei voluto, tanto meno mia moglie, diciamo così. 

C’era da mettere in conto che avrebbe potuto nascere con problemi anche gravi, deforme, decerebrato, handicappato (sebbene ciò sembrasse una remota eventualità). Ma così... chiuso, insofferente, indolente... Da chi avrà preso? Da me sicuramente no, e nemmeno da Veronica. Sempre così attivi, intraprendenti noi. A meno che il nostro DNA non contenga elementi “negativi” di cui non siamo consapevoli... finché non li vediamo nei nostri discendenti.

dongo2.jpg
AVANZI.jpg
bottom of page